MAMMA+MAMMA di Karole Di Tommaso (2018)

, Opere Prime

Mamma+mamma è l’opera prima di Karole Di Tommaso, presentata alla festa del cinema di Roma nella sezione Alice nella città. Il film racconta il percorso verso la maternità di Ali e Karole, in un’Italia che ancora fatica ad accettare il desiderio di creare una famiglia da parte di due persone dello stesso sesso, malgrado l’amore profondo che le unisce. Fra l’Italia e la Spagna, le due donne affrontano una serie di difficoltà e peripezie per realizzare questo sogno che, inizialmente, sembra solo un pallido miraggio e che il film segue con grande partecipazione, portando lo spettatore a sentirsi totalmente coinvolto.

Oltre al forte legame che unisce le due, molto sentito è anche il rapporto tormentato, sia di rifiuto sia di affetto, che unisce la protagonista, Karole con il suo paese d’origine. Un paesino in pietra, sperduto fra gli ulivi e la campagna assolata, i cui abitanti conducono un’esistenza tranquilla, fatta di ricette tradizionali, canti e messe, del tutto estranea al mondo di punture ormonali e bambini in provetta in cui vive Karole.

Per quanto la donna si senta protetta e al sicuro, nella casa dove è cresciuta, sa bene che si tratta di una sensazione fugace. Il pensiero che i genitori non conoscano davvero la sua vita la tormenta nel profondo e il suo percorso di accettazione verso se stessa e le sue origini procede di pari passo con la progressiva ricerca della maternità.

Il ritorno della protagonista alle sue radici, la sua totale immersione nei luoghi che l’hanno vista bambina è ben descritta dai campi lunghi che delineano una splendida campagna immersa in una luce dorata, agitata da un vento caldo che fa ondeggiare gli ulivi e di cui sembra di sentire addirittura l’avvolgente profumo.

Ma la cinepresa riesce anche a condurre lo spettatore in una dimensione più intima, grazie alle inquadrature che indugiano sui volti delle protagoniste, sui loro sguardi pieni di speranza, sulle loro dita intrecciate e i loro abbracci, portando con discrezione lo spettatore nel loro mondo, nella loro vita fatta di sogni e di coraggio, nonostante le mille difficoltà che si presentano loro davanti.

La regista, nonostante sia alla sua opera d’esordio, è riuscita a creare un intero mondo dietro alla macchina da presa, delineando il ritratto di due protagoniste forti e determinate, che ci sembra quasi di conoscere da molto tempo.

Il profondo interesse nei confronti dell’umanità, in tutte le sue possibili sfaccettature, unito a una regia sapiente e matura, creano una storia affascinante, fatta di colori, suoni e sensazioni che hanno un solo, importante scopo: mostrare l’amore di due persone, disposte ad affrontare il mondo intero per poter coronare il sogno di generare nuova vita.

di Giulia Losi

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.