CI VUOLE UN FISICO di Alessandro Tamburini (2017) – Biografia

Valeria Verbaro

, Biografie

Nato a Faenza il 20/10/1984, Alessandro Tamburini inizia, giovanissimo, a girare i primi cortometraggi a budget zero, con l’utilizzo di attori non professionisti. Si iscrive al DAMS di Bologna, ma utilizza il tempo a disposizione per girare il primo lungometraggio amatoriale Ti uccido il cane! (60 minuti) vincitore al DAMS Film Festival di Roma e al Festival del Cinema Libero di Roma. Questo lavoro gli permette anche l’ingresso al corso di Regia del Centro Sperimentale di Cinematografia, durante il quale autoproduce e dirige diversi progetti audiovisivi. Lavora anche per il regista Gian Vittorio Baldi, realizzando un documentario su una retrospettiva a lui dedicata in Cina, dal titolo Appunti da un viaggio in Cina. Si diploma al Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma nel 2011 con il cortometraggio Fine settembre, con Ivano Marescotti e Silvia Cohen. Nello stesso anno realizza il documentario Mai senza, la sessualità alla terza età e il cortometraggio dal titolo L’arte del fai da te, con Sandra Milo. Del 2013 è il suo cortometraggio Ci vuole un fisico, vincitore di almeno 30 premi in Italia, acquistato da Sky e dall’emittente francese FRANCE3.  Nel 2014 dirige il cortometraggio Il cervo, l’alce, il capriolo, per poi passare al cortometraggio Camper, interpretato da attori non professionisti. Nel 2016 cura il backstage del film, prodotto da Cattleya, Lasciati andare, con Toni Servillo, Verònica Echegui e Luca Marinelli; dirige inoltre il suo primo lungometraggio Ci vuole un fisico, tratto dall’omonimo cortometraggio e prodotto da CSC Production e Rai Cinema.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.