Venezia, Biennale College – Bando internazionale per registi e produttori emergenti

, Fatti di cinema

Il 1 luglio 2016 scade il bando internazionale del Biennale College – Cinema, “un laboratorio di alta formazione, ricerca e sperimentazione, per lo sviluppo e la produzione di opere audiovisive a micro-budget, aperto a un massimo di 12 team di registi e produttori emergenti di tutto il mondo”, giunto quest’anno alla 5ª edizione. Le prime quattro (tenutesi ad agosto 2012 e maggio 2013, 2014 e 2015) hanno riscosso ampio successo e condotto alla realizzazione di 9 film, tutti presentati poi nell’illustre vetrina della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia. Altri 4, sviluppati nel corso dell’ultima edizione, sono attualmente in fase di montaggio e saranno presentati alla Biennale di quest’anno.
Il bando, senza limiti d’età né quote di partecipazione, prevede che i 12 progetti selezionati saranno sviluppati, a partire da ottobre, con l’ausilio di un gruppo di tutor ed esperti che daranno consulenze sia dal punto di vista della sceneggiatura sia da quello della produzione, durante un workshop di 10 giorni. Successivamente i 12 team avranno tre settimane di tempo a disposizione per lavorare sui rispettivi progetti e consegnare una prima stesura della sceneggiatura e il materiale relativo alla produzione. Il Direttore della Mostra selezionerà, quindi, fino a 3 progetti, tra i quali almeno uno italiano, che riceveranno 150.000 euro e parteciperanno a un secondo workshop che si terrà a Venezia a dicembre, al termine del quale dovranno essere consegnati tutti i materiali aggiornati e una seconda stesura della sceneggiatura. Infine, a gennaio, si terrà un terzo workshop che sarà incentrato sulla pre-produzione dei 3 progetti selezionati. Ogni team avrà un proprio tutor e una propria squadra per curare tutti gli aspetti del film. Tra metà gennaio e metà agosto, i team gireranno e monteranno i propri lavori per poi presentarli alla Mostra di Venezia 2017.
Obiettivo dell’iniziativa è, dunque, quello di dare spazio a nuovi talenti emergenti, accompagnandoli nel corso di un anno lungo l’intero arco di lavorazione del loro film, dall’ideazione fino alla distribuzione. Possono partecipare team di registi alla loro opera prima o seconda, e produttori che abbiano realizzato almeno 3 prodotti audiovisivi distribuiti e/o presentati a festival. La selezione dei 12 progetti sarà annunciata durante la 73ª Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia 2016 (31 agosto – 10 settembre).
Ripercorrendo brevemente le precedenti edizioni, ricordiamo che la prima ha visto realizzarsi “Memphis” di Tim Sutton, “Mary is Happy, Mary is Happy” di Nawapol Thamrongrattanarit e “Yuri Esposito” di Alessio Fava. La seconda edizione, invece, ha partorito “Blood Cells” di Joseph Bull e Luke Seomore, “H.” di Rania AttiehDaniel Garcia e “Short Skin” di Duccio Chiarini. La terza, “Baby Bump” di Kuba Czekaj, “Blanka” di Kohki Hasei e “The Fits” di Anna Rose Holmer. Infine, i quattro progetti della quarta edizione di Biennale College – Cinema, attualmente in fase di montaggio e che saranno presentati alla 73ª Mostra di Venezia, per la precisione tre opere prime e un’opera seconda (nello specifico quella italiana), sono i seguenti: “Mukti Bhawan – Hotel Salvation” di Shubhashish Bhutiani, “Orecchie – Ears” di Alessandro Aronadio, “Quimilí” di Sofia Brockenshire e Verena Kuri e “La Soledad” di Jorge Thielen Armand.

di Camilla Di Spirito

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.