KUBO E LA SPADA MAGICA di Travis Knight (2016)

Kubo è un giovane cantastorie. Ogni giorno avvince il suo villaggio narrando incredibili avventure, popolate da personaggi straordinari. Il detto secondo cui in ogni finzione c’è sempre un po’ di verità non è mai stato più appropriato e, forse, le storie di Kubo non sono poi così lontane dalla realtà. Quando finisce di lavorare, il ragazzo torna a casa dalla sua madre malata e se ne prende cura nel miglior modo possibile, nutrendola e facendole tornare la luce negli occhi, grazie ai racconti sul passato della sua famiglia. Un’assenza che pesa molto nella vita di Kubo è quella del padre, un grande guerriero che si sacrificò per la vita della moglie e del figlio. L’unica cosa che rimane a Kubo sono i racconti di sua madre e lo stemma dello scorpione, simbolo caro a suo padre. Tuttavia, ombre oscure incombono sulla vita del ragazzo e presto arriverà il momento di partire per svelare i segreti del proprio passato, alla volta di un futuro tutto da scrivere. I suoi compagni di viaggio, ovvero una scimmia parlante e un guerriero samurai, che a causa di una maledizione ha preso le sembianze di uno scarabeo, diventeranno i primi veri amici di Kubo e saranno indispensabili durante il suo cammino. Saranno necessari anche alcuni oggetti magici, una spada e un’armatura, oltre a uno speciale potere magico: al suono del suo shamisen, uno strumento simile a un liuto, gli oggetti si animano e la carta crea origami viventi. Kubo e la spada magica è probabilmente uno dei migliori film d’animazione degli ultimi anni. Si distingue per la storia, per il messaggio che trasmette e per la cura certosina riposta nella realizzazione delle ambientazioni e dei costumi dei personaggi. La forza di Kubo è quella di essere un bambino molto maturo per la sua età, a causa delle esperienze di vita che ha dovuto affrontare troppo presto. Andare a scavare nel passato gli permetterà di recuperare la sua infanzia perduta e al tempo stesso di crescere molto, insieme ai suoi nuovi amici. L’esordio di Travis Knight è una grande opera prima, consigliata a grandi e bambini.

di Federica Colombi

Lascia un commento