Riccardo Casamonti – Biografia

, Biografie

Dopo aver frequentato a Prato il Laboratorio Cinematografico di Giuseppe Ferlito (che lo ha portato alla realizzazione del mediometraggio Capelli tratto da una novella di Guy De Maupassant) e il Laboratorio Teatrale del Teatro di Piazza e d’ Occasione, alla fine degli anni novanta si  trasferisce nel Chianti, dove inizia un percorso di ricerca molto particolare, con il desiderio di riscoprire e dare nuova linfa a quella tradizione antichissima della civiltà contadina che era la “veglia” : ossia la capacità di ritrovarsi insieme per raccontare storie. In questa prospettiva ha realizzato una serie di cortometraggi (Il Guscio di Pegaso (1997); Tutto come prima (1998); Le nozze di Angela (2004); Lungo la strada (2007); Il Senso dell’Ovest (2009); Frequenza Icaro (2010)), che hanno tutti come tratto distintivo la scelta radicale di utilizzare solo attori non professionisti per l’interpretazione dei personaggi e la scelta di mettere sempre in primo piano il “territorio” nella costruzione della regia cinematografica (territorio inteso come sintesi di paesaggi umani, naturali e culturali). Alla fine di questo percorso, è arrivato “Il Seme ed il Mare” nel 2013, il suo primo lungometraggio, che ha visto coinvolto un intero paese nella grande avventura di raccontare una storia.

 

 

Lascia un commento