TRUE LOVE di Enrico Clerico Nasino (2012)

, Opere Prime

Esordio alla regia di Enrico Clerico Nasino, True Love, scritto e co-prodotto da Fabio Guaglione e Fabio Resinaro, è un film che, per ambientazione, cast e genere, potrebbe sembrare tipicamente americano. Negli Stati Uniti true_loveè stato definito “un film dal sapore hitchcockiano che sfida le classificazioni di genere”. Difatti, è proprio questa eterogeneità che fa di True Love un film originale, ricco di suspense, ma soprattutto avvincente e ben congegnato. La vicenda, inizialmente romantica, si trasforma d’improvviso in un appassionante thriller psicologico, il cui fulcro rimane però l’amore tra i due protagonisti, Jack (John Brotherton) e Kate (Ellen Hollman), che vengono messi a dura prova. I due novelli sposi si trovano, infatti, intrappolati in due stanze separate e divengono vittime di un gioco perverso. Una voce registrata, simile a un orwelliano “Big Brother”, svela gradualmente i segreti reciproci della coppia che, a sua insaputa, è stata oggetto di riprese nella vita quotidiana. Ne scaturiscono domande precise riguardo la loro relazione, le cui risposte avranno delle conseguenze per la loro sopravvivenza all’interno della “prigione della verità”. Le straordinarie interpretazioni degli attoritrue-love coinvolgono ancor più lo spettatore. In una drammatica escalation di tensione, i protagonisti sono portati sull’orlo del crollo psicofisico, che raggiunge il suo climax quando arriva il momento del confronto con la realtà. L’ambientazione scarna e claustrofobica è esasperata dalla drammaticità dei dialoghi incalzanti e dal dinamismo strategico delle inquadrature scelte per accentuare l’angoscia e soprattutto il crescente sospetto nei confronti del proprio partner. Un amore apparentemente perfetto che, una volta destabilizzato, mostra il suo vero volto. L’universo dei due amanti si sgretola poco a poco, svelando tentazioni poco represse, bugie e inganni, segreti inconfessati e a volte inconfessabili, con l’intento ultimo di dimostrare che “l’amore è verità”.

di Irene Cocola

Lascia un commento