LUPIN III – IL CASTELLO DI CAGLIOSTRO di Hayao Miyazaki (1979)

Lupin_3_opereprimeForse non tutti sanno che l’esordio alla regia di un lungometraggio animato ha visto Hayao Miyazaki alle prese con le avventure di Arsenio Lupin, irresistibile ladro gentiluomo nato dalla penna di Maurice Leblanc nel 1905. Lo scenario di questa storia è l’antico e misterioso castello di Cagliostro, situato nell’omonimo piccolissimo stato e sede dal Medioevo della zecca di denaro falso più attiva e influente del mondo. Lupin e il fedele amico e collega Daisuke sono intenzionati a espugnare la fortezza per rimpinguare le loro finanze ma la priorità diventa ben presto un’altra. Il malvagio conte di Cagliostro è infatti deciso a sposare contro la sua volontà la dolce principessa Clarisse, tenuta prigionera nella torre più inaccessibile del castello. Le peripezie che seguiranno saranno orchestrate da Lupin per salvare Clarisse, in una battaglia senza esclusione di colpi che vedrà protagonisti i personaggi familiari ai fan dell’anime, come la bella ladra Fujiko e l’integerrimo ispettore Zenigata. Il conte è un avversario temibile, vanta amici potenti e gioca in casa ma mai sottovalutare un ladro come Lupin. Le atmosfere medievali del film sono il giusto contorno per una storia avvincente i cui elementi si mescolano con armonia restituendo il tipico sapore Lupin. Miyazaki fa un vero regalo agli appassionati di questo personaggio ed è interessante riconoscere il tocco di questo regista prima dei successi che lo hanno designato come maestro del film d’animazione. Luce e ombra, onestà e corruzione, gentilezza e amore. Temi importanti che sono declinati con ironia e leggerezza. Lupin_2_opereprimeMemorabili le rocambolesche scene di inseguimento in automobile e gli esilaranti scontri tra guardie del castello e agenti della Interpol giapponese. Fa sorridere l’alleanza momentanea di Lupin con  l’ispettore Zenigata, uniti nella lotta contro il vero cattivo del film, il disonesto e corrotto conte di Cagliostro. La gentilezza e la bontà d’animo della principessa Clarisse commuoveranno l’animo di Lupin, che dimostra ancora una volta di essere un personaggio positivo nonostante tutto. Come affermerà Zenigata, Lupin stavolta ha rubato solo una cosa ma di estremo valore, il cuore di Clarisse. In conclusione un’opera prima promossa a pieni voti, capace di tenere incollati allo schermo grandi e piccini, appassionati e meno appassionati del genere.

di: Federica Colombi

 

Lascia un commento