Pier Luigi Sposato – Biografia

, Biografie

Pier Luigi Sposato è nato e cresciuto a Cosenza, piccola città situata nel sud dell’Italia. Fin da giovanissimo intuisce il proprio destino: creare film. Prima di approdare alla regia, però, sviluppa le sue abilità come sceneggiatore e attore di teatro e cinema. Durante il suo percorso didattico, aumenta il bisogno di creare film e raccontare le sue personali storie attraverso il potere delle immagini e dei suoni provenienti dal mondo. Per i suoi studi si trasferisce prima a Firenze e poi a Milano. Durante questo periodo viaggia molto attraverso l’Europa e trascorrere un anno in Costa Rica/America Centrale. Tornato in Italia per concludere gli studi in Tecnologie della Comunicazione a Milano, comincia una collaborazione per la RAI come Regista Programmista. Dopo aver completato il percorso universitario si trasferisce a Roma per lavorare al suo primo lungometraggio dal titolo Il Colore Verde della Vita, nel frattempo realizza cortometraggi e mediometraggi per ottenere una proficua esperienza come regista e migliorare le sue abilità. Finalmente porta a termine il suo primo film e decide immediatamente di trasferirsi a Berlino, ispirato da questa città quando viaggiò attraverso l’Europa. Durante i mesi vissuti a Berlino, partorisce la sceneggiatura Spiral Vortex e decide di farne un film che combina la sua nuova esperienza con le sue tradizioni, inserisce da una parte Berlino “la Metropoli”, città multiculturale ricca di movimento ed in continua trasformazione, dall’altra i luoghi agresti e naturali dove è cresciuto. Attualmente sta preparando un film sul Vangelo Apocrifo di Giuda Iscariota. Nei suoi film il suo background gioca un ruolo importante, affronta sempre temi nuovi, attraverso l’uso di generi differenti. Egli è guidato dall’idea di creare film per stimolare e ispirare il mondo. Pier Luigi Sposato è un professionista che vuole costantemente evolvere e migliorare se stesso e il suo lavoro. Suoi punti di riferimento cinematografici sono Fellini, Kubrick e Fassbinder, oltre la sua passione per la musica, fondamentale nei suoi film, soprattutto il lavoro sperimentale dei Pink Floyd e del compositore francese Jean Michel Jarre.

Lascia un commento