Francesco Munzi – Biografia

, Biografie

Regista e sceneggiatore italiano, conosciuto per aver diretto Saimir (2004), Il resto della notte (2008) e Anime nere (2014). Francesco Munzi nasce nel 1969 a Roma. Dopo essersi laureato in Scienze Politiche nel 1998, si diploma al Centro Sperimentale di Cinematografia.
Durante tutti gli Anni Novanta, inizia a lavorare come documentarista, firmando opere come Van Gogh (1990), La disfatta (1994) e Il neorealismo. Letteratura e cinema (1999).

Parallelamente, comincia anche a firmare i suoi primi documentari: Valse (1992), Tre del mattino(1994),  Nastassia (1996), L’età incerta (1998) e Giacomo e Lo Mua (1999).

Nel 2004, realizza il suo primo e apprezzato lungometraggio, Saimir, storia di un sedicenne albanese emigrato in Italia, che non riesce a integrarsi a causa di varie difficoltà. Il film viene presentato al Festival di Venezia, all’interno della sezione Orizzonti, ricevendo la menzione speciale per il Premio Luigi De Laurentiis come Opera prima. Otterrà anche il premio come miglior film al Bimbi Belli Festival, due candidature (miglior regista esordiente e premio della critica) ai David di Donatello, una all’European Film Awards (come scoperta dell’anno) e la vittoria di un Nastro d’Argento nella categoria analoga.
Nel 2008, dirige invece il suo secondo film, Il resto della notte, che viene presentato al Festival di Cannes nella sezione Quinzaine des Réalisateurs.
Nel 2014, arriva invece Anime nere, tratto dall’omonimo romanzo di Gioacchino Criaco e che tratta la storia di tre fratelli calabresi, implicati in attività criminose, che si riuniscono per affrontare i nodi irrisolti del passato. Il film riceve un successo planetario e ottiene ben nove Premi David di Donatello.

Lascia un commento